CURRICULUM SPORTIVO DI GUIDO COLOMBO
Io e Sakara
 Guido Colombo con uno dei suoi maestri, Alessio Sakara, il primo italiano a combattere nell'UFC

Il dott. Guido Colombo è il Direttore Tecnico Nazionale della Versus.

Pratica le arti marziali ininterrottamente dal 1990 ed ha ottenuto qualifiche nelle seguenti discipline:

Insegnante di MMA e Submission Grappling (ACSI – CONI. Attualmente allievo di Alessio Sakara e Garcia Amadori);
Istruttore di Kickboxing e K1 Style (CSEN – CONI; M° Manusardi, Castoldi ed altri);
• Allenatore (Faixa Azul IBJJF) di Brazilian Jiu Jitsu (Prof. Garcia Amadori, Batatinha Team Italia, Milanimal, Juan Neves Jiu Jitsu,  Kyoudaido);
• Maestro di Arti Marziali Filippine (IAF, unica federazione riconosciuta dal Comitato Olimpico di Manila);
Istruttore di Scrima Italiana sistema SAL con il PROF. e M° ANTONIO G. G. MERENDONI
Istruttore di Krav Maga ACSI – CONI, metodo M.S.S. (Mixed Self-Defence System® )
Responsabile Nord Italia del settore Difesa Personale di FIGHT1

HA INOLTRE PRATICATO:

• Lotta Libera e Greco Romana (Accademia di lotta Enrico Porro Cairate, VA);
• Muay Thai (M° Stefano Giannessi e Rinaldo Rinaldi);
• Boxe Francese – Savate ENBF (Guanto Rosso con il Prof. Renato Manusardi);
• Karate Shotokan (agonista col M° Franco Paganini);
• Judo (M° Massimo Gorla e Mario Sina);
• Jeet Kune Do (scuole dei M° Faraone, Maltese ed altri);
• Tecniche di autodifesa e disarmo dell’EI (149° Corso AUC SMALP di Aosta, 1992-1993);
• Grima de Machete colombiana (M°di Puerto Tejada, Cauca, Colombia);
• Body Building e Fitness (Personal trainer con ACSI e Sport Nazionale);

Negli anni ha inoltre partecipato a decine di stage di MMA, Grappling, BJJ, Savate, K1 e Kickboxing, Lotta Olimpica, Arti Marziali Filippine, Jeet Kune Do, Krav Maga e Arti Marziali Italiane.

E’ inoltre fondatore e promotore del circuito MMA Italy

È abilitato da Eupolis Lombardia (l’Ente di formazione della Regione Lombardia) a tenere corsi di autodifesa ai Corpi di Polizia Locale lombardi.

La sua scuola vanta, tra gli altri, i seguenti risultati (vedi anche la pagina TITOLI VINTI):

• Coppa Italia di MMA e Grappling a squadre MMA Italy 2013;
• Dieci titoli italiani di MMA e due di Grappling MMA Italy;
• Quattro titoli italiani full e due light di Kickboxing K1 Style (varie federazioni, 2010-17);
• Coppa Italia di Kickboxing Fight1/ISKA Italia 2017;
• Bronzo ai Mondiali IAF 2010 di Arti Marziali Filippine;
• Vittoria nella Coppa Italia 2010 di Arti Marziali Filippine;

Si è esibito in numerosi eventi marziali in tutta Italia.

È arbitro e giudice internazionale di MMA, Grappling, sport da combattimento (MMA, Grappling, Kickboxing, Muay Thai, Savate, Full Contact), di arti marziali filippine e di scherma corta;

Ha ricoperto l’incarico di responsabile nazionale arbitri e giudici del settore Arti da Combattimento filippine della CISCO (Confederazione Italiana sport da combattimento) che lo ha premiato con lo “Special Award” 2004;

E’ stato insignito per due volte (2010 e 2012) di Benemerenza al Merito Sportivo dalla città di Legnano (MI).

Giornalista professionista, ha scritto su diverse riviste e portali del settore (Samurai, Budo International, Entertao, www.ilguerriero.it).

Altre informazioni rilevanti:

È stato ufficiale degli alpini (ferito e decorato in servizio). Ha comandato un plotone assaltatori ed ha prestato servizio come comandante della guardia al Palazzo di Giustizia di Palermo durante l’operazione “Vespri Siciliani” nel 1993.

Ha giocato nella giovanile dei Frogs Legnano, Campioni d’Italia e d’Europa di Football Americano (stagioni 1988 e 1989).

Tiene i seguenti corsi:

Vedi il link http://www.team-versus.com/corsi/orari-e-sedi/

È disponibile in tutta Italia come personal trainer per agonisti ed amatori, anche a domicilio; per corsi istruttori, seminari e dimostrazioni.

È contattabile al: 339/36.70.263. E-mail: info@ssversus.com

AVVERTENZA: Tutte le seguenti informazioni sono documentabili ed a prova di qualunque smentita.
Gli attacchi diffamatori subiti in passato sul web sono stati rimossi dalla polizia postale a seguito di querela per diffamazione a mezzo stampa (art. 595 C.P. pena la reclusione da sei mesi a tre anni).
Qualunque ripetersi di tali azioni sarà perseguito in sede civile e penale.